L’analisi de La Gazzetta dello Sport: “Serie A in rosso senza pubblico”

La Gazzetta dello Sport” scrive La Gazzetta dello Sport, che, grazie agli stadi chiusi, ha intrapreso uno studio sui milioni di fumi della serie A. Gli stadi chiusi al pubblico a causa della pandemia stanno sanguinando le casse delle squadre di calcio: 370 milioni di persone rischiano di scomparire. La perdita di profitti per i 20 club di A sarebbe di 370 milioni se il 2020-21 finisse con le porte chiuse,
secondo il rapporto della Gazzetta, che tiene conto non solo delle entrate da biglietti e abbonamenti, ma anche dell’ospitalità, cioè delle comodità delle categorie superiori fornite al pubblico e agli inserzionisti, e di tutte quelle cose legate alla vita degli edifici, come le visite, i musei, i negozi. Si tratta di circa il 15 per cento delle vendite tipiche del campionato superiore. Chi paga il dazio più alto è la Juve,Per la sua alta qualità e la sua capacità di aumentare le vendite 365 giorni all’anno, l’Allianz Stadium è oggi un modello di riferimento in Italia. Dopo aver documentato un modello di crescita sostanziale negli ultimi anni, l’Inter ha messo in conto circa 60 milioni di possibili perdite. Le nuove imprese promosse potrebbero perdere tra i 3 e i 5 milioni. 38 milioni sono stati abbandonati dai Rom, di cui quasi 10 milioni per l’ospitalità. Sfortunate Lazio e Atalanta, che scattano per altri 20 milioni, mentre per Napoli -17, per F -15, per Napoli -15 for Fiorentina and -11 for Udinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *