Le probabili formazioni di Italia-Estonia: tanti cambi per gli azzurri, confermato il 4-3-3

Tra i disaccordi e i giocatori bloccati dalle rispettive ASL, l’Italia parteciperà stasera ad una gara amichevole contro l’Estonia all’Artemio Franchi di Firenze. Terzo sforzo nel 2020 per gli azzurri di Roberto Mancini per chiudere nei prossimi giorni la fase a gironi della Uefa Nations League in Polonia e Bosnia: contro gli estoni, l’allenatore – assente dopo la positività di Covid-19 – darà molto probabilmente un allenamento sperimentale a giovani e nuovi giocatori sul campo. Dopo essersi allenati con numeri ridotti, 11 giocatori hanno seguito i 19 giocatori che hanno preso parte al campo lunedì: Evani, che sostituirà Mancini in panchina, farà un allenamento per i prossimi due incontri che includeranno gli Azzurri il 15 e 18 novembre.

COME ARRIVA L’ITALIA – Diversi giocatori sono stati fermati dalle rispettive ASL a causa delle epidemie di Covid che si sono verificate nelle squadre del club nei giorni scorsi. Per i tre obblighi, quindi, la ct dovrebbe contare su un numero inferiore rispetto ai 41 convocati la scorsa settimana. L’obiettivo rimane quello di trovare i migliori meccanismi per il prossimo anno e di cercare di agganciare per prima la Polonia, vero per le ultime quattro finali della Lega delle Nazioni Unite.

La squadra italiana arriva da un doppio pareggio contro Olanda e Polonia e da un 6-0 di vantaggio in un’amichevole contro la Moldavia. Tante le novità sul campo, anche se il 4-3-3 sarà confermato: Sirigu tra i pali, con Calabria, Ferrari, Bastoni e Luca Pellegrini a comporre la difesa. Nello spazio della sala di controllo di Tonali, assistito da Gagliardini e Locatelli. Nell’attaccare eventuali dubbi al centro-avanti, la Lasagna è attualmente la favorita su Pellegri: Belotti potrebbe invece partire dalla panchina. All’esterno ci sono meno punti interrogativi e Orsolini e Grifo sono in grado di scendere in campo fin dal primo minuto.
COME ARRIVA L’ESTONIA – Due pareggi e la possibilità di essere retrocessi in Lega D rispetto alla squadra estone, solo due punti nella Lega delle Nazioni UEFA per gli uomini di Volaid che nelle prossime partite sfideranno il Nord Macedonia e la Georgia: per sfuggire all’ultimo posto è necessaria una vittoria. Probabile 4-4-1-1 con Hein tra i pali e la difesa di Teniste, Baranov, Kuusk e Pikk. Nello spazio mediano di Liivak, Miller, Kreida e Tunjov, con Vassiljev che potrebbe andare ad assistere Lepik.

Le formazioni plausibili

 

Italia (4-3-3): Siri; Calabria, Ferrari, Bastoni, Luca Pellegrini; Gagliardini, Tonali, Locatelli; Orsolini, Lasagna, Grifo. A disposizione: Meret, Cragno, Donnarumma G., Emerson, Di Lorenzo, Bonucci, Florenzi, Pessina, Soriano, Zaccagni, Jorginho, Bernardeschi, El Shaarawy, Belotti, Pellegri, Berardi, Chiesa, Insignia, Kean. Tutti e due. Evani Alberico

 

Estonia (4-4-1-1): Hein, Teniste, Baranov, Kuusk, Pikk; Liivak, Miller, Kreida, Tunjov; Vassiljev; Lepic. Utilizzabile in: Meerits, Igonen, Mets, Tamm, Lilander, Purg, Jarvelaid, Zenjov, Marin, Ainsalu, Sorga, Tur. Entrambi. Volaid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *