Torna in pista Sarri, pronta la panchina della Roma in coppia con Paratici in uscita dalla Juve. La Fiorentina…

Sarri sta tornando, ma non ci sono sorprese. Chi lo conosce sa bene che non è il tipo da pensionamento anticipato o da una profumata rendita vitalizia senza una panchina su cui non si siederà. Il calcio e il campo sono la vita per lui e ha bisogno di vivere. Era da immaginare che non si sarebbe soffermato sul libro paga, legato alla Juve, avrebbe voluto poter viaggiare, provare e valutare offerte per tornare in pista per una nuova iniziativa al primo momento utile. Si preoccupa del salvataggio, ed è lì per trovare Per i due anni di accordo che rimangono, un accordo con la Juve richiederebbe meno di 12 milioni circa per una transazione e una scissione che gli sarà dovuta, ma l’indipendenza e il calcio contano ancora di più per Sarri. Aurelio Virgili, suo ex capo ufficio, aveva previsto la fine burocratica, ben dopo la fine atletica della storia della Juventus, quando Sarri era ancora uno dei giocatori più importanti della storia del club Un banchiere con la passione per il calcio. Virgili, figlio del leggendario centravanti, ribattezzato Pecos Bill da Brera negli anni Cinquanta e Sessanta, conosce l’inizio della storia di Sarri ed è rimasto suo amico e consigliere. Certo, conosce anche la corrente e avendo rivelato a Tuttosport che il salvataggio è imminente, si sono aperti scenari immediati e futuri.

Appena sarà di nuovo allenatore libero, dove andrà Sarri?

Scatena Radiomercato.

Le tracce più importanti portano a Roma, una cultura dalla quale, al tempo della rottura con Napoli, ma anche prima, aveva già avuto offerte in passato. L’ultima proprietà americana della Friedkins si sta muovendo per rifondare e se è vero che Fonseca è stata confermata nei termini, è altrettanto vero che l’allenatore portoghese è un uomo scelto da Pallotta ed è anche giusto che i nuovi investitori offrano il loro pensiero, la loro visione del pallone e i loro risultati senza entrare nel merito dei risultati ricevuti Umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *